Chiunque tu sia – Poesie – Libro

CHIUNQUE TU SIA

 

In questo volo, io non sono io.
Io sono una foglia,
un fiore,
un ramo secco,
un diamante, un grano d’argilla.

Io sono il vento

che ti avvolge e riavvolge ad ogni respiro,
io sono un raggio di luna
che danza e brilla sull’onda.
Io non sono io!

So dei tuoi occhi in cerca di luce,
dei tuoi silenzi.

So del tuo nome infranto sulla riva,
dei tuoi sogni senza età
e delle tue paure.

In questo muto confine
io non sono io, eppure mi sento ovunque.
Sono lì dove meno te l’aspetti,
lì in una piega della tua mano in cerca di carezze,
lì sulle tue labbra e nei tuoi occhi.

Sono in ogni tua lacrima,
in ogni tua goccia di luce,
in ogni tuo inno al cielo perché,
in verità io sono te

e tu sei me.
chiunque tu sia.

 


VIENI

Vieni, vieni a me cuore mio,
che la notte è vicina
e il sogno…
mi attende.


AH, AMATA

Sei un cielo di maggio,
un sorriso alato,
un bacio di luna sulla pelle,
un mormorio,
un volo di foglia.
Ah, amata
Sei acqua di fonte per le mie dita,
un soffio, un canto di rose
per le mie labbra.
Ah, sei onda viva,
vivo corallo di un mare senza vele,
una voce d’ambra di antica riva.
Ah, amata!
Quanti vagiti
e quante carezze m’ha dato il vento,
quanti cieli e quanti sogni mi ha dato la notte
sfogliando il tuo nome
stella dopo stella.


UN GABBIANO

Vola gabbiano, vola
per pendii
e ascese.
Vola, con le tue ali di neve
per spiagge e rive di corallo,
per ricordi
e scie di sogni.
Scuoti pure il cielo con il tuo grido,
ma lei,
non c’è più.